Yom Kippur

Yom Kippur, il Giorno dell’Espiazione, è il giorno più santo nell’Ebraismo. È un giorno di digiuno e preghiera che è celebrato il 10º giorno del mese Ebraico di Tishrei.

Yom Kippur segna la fine dei Dieci Giorni del Pentimento. Secondo quanto stabilito dalla la fede ebraica, durante la festa di Yom Kippur ogni persona viene valutata per l’anno successivo in base a quanto compiuto nell’anno precedente.

Tradizionalmente gli Ebrei digiunano dalla sera del giorno santo fino alla notte successiva. Questa è una festività stabilita nella Tora ove è chiamata uno Shabbat di Riposo Solenne, un giorno durante il quale non può essere compiuto nessun lavoro.

Nonostante la maggior parte della popolazione Ebraica in Israele non sia osservante da un punto di vista religioso, Yom Kippur è e rimane un giorno speciale per tutti e ha mantenuto il suo carattere unico. Molti Ebrei che si definiscono laici, vanno in sinagoga e digiunano durante questo giorno speciale.

 

 

Usi della Festività

Digiuno – La Tora stabilisce che durante questo giorno gli Ebrei devono “affliggere le loro anime” astenendosi sia dal cibo che dal bere.
Suono dello shofar – Alla fine della festività, viene suonato lo shofar (corno d’ariete).

Selichot – Nei giorni che portano a Yom Kippur e durante la festività stessa, è uso chiedere perdono alle persone. Secondo la tradizione, Yom Kippur espia i peccati fra l’uomo e D-o, ma non fra l’uomo e l’uomo, che devono perdonarsi l’un l’altro.

Informazioni Importanti

Durante Yom Kippur non viaggia quasi nessun tipo di veicolo lungo le strade. Vedrete invece le strade piene di bambini in bicicletta, sui pattini e skateboard. Tutte le attività commerciali a Yom Kippur sono sospese, comprese quelle che generalmente sono aperte di Shabbat. Anche tutte le trasmissioni radio e TV israeliane sono sospese.